Report

Disco in vetrina

Speciali

Foto Gallery

Abroad: rock dal mondo

Blog

La musica in Campania "scritta" dai suoi protagonisti e da chi da anni ne fa parte

 

coming soon

Il Mamamu, Il Gay Pride e l'Arenile

Triangolazione ad alto tasso di affollamento, ed in una città come Napoli non aspettatevi certo che tutto vada per il verso giusto. La storia è nota, il Mamamu Rock Fest slitta di una settimana, forze dell'ordine frettolose ed ansione di assistere all'addio dell'Italia ai mondiali appongono dei sigilli che misteriosamente sabato mattina scompaiono nuovamente.

Il vialetto è tristemente chiuso, di fianco si balla, ma dove sono le 10 mila persone annunciate. E se pure fossero sbarcate, non ci sarebbe stato nessun problema di ordine pubblico, con il migliaio di persone attese per gli A Toys Orchestra. Nemmeno fosse Piedigrotta.

Ma in una città che va incontro al Forum delle Culture, che si candida a diventare faro del mediterraneo, è possibile che 1 evento + 1 uno significa caos, smarrimento, traffico e individia?

Come faceva già notare qualcuno, l'inverno napoletano è desolatamente scarno di eventi. Poi in estate si suona ovunque: piazze, arene, strade, marciapiedi. Con i soldi delle istituzioni ovviamente, e se poi si paga un biglietto caro meglio ancora.

Chi invece si fa il mazzo e non ha 1- appoggio e tanti soldi del potente di turno 2 i giusti agganci con il potere oscuro 3- il giro giusto, allora deve soccombere ed arrangiarsi.

Venerdì sera ho così girato per le strade di Napoli ed ho visto in poche centinaia di metri:

1 parcheggiatori abusivi, anche sulle strisce blu

2 parcheggi abusivi

3 centauri della Napoli bene in 3 sullo scooter

4 venditori abusivi di cibo sotto il manto dello smog

5 le corsie preferenziale invasa dalle auto (erano molti SUV e Smart, ma forse è un caso)

ect ect

allora a questo punto non chiudete soltanto il vialetto che porta alla spiaggia dell'Arenile, per presunte irregolarità, ma chiudete l'intera città.

Fortunatamente, il festival è solo rimandato e si terrà il prossimo fine settimana, con le stesse band in una nuova location, sempre da quelle parti.

Il Gay Pride ovviamente non c'azzecca nulla con quello che è successo. Invece di Boy George la serata poteva ospitare anche il forum sul cinema muto, il casino ci sarebbe stato lo stesso.

Il problema è che una buona parte di Napoli non è ancora pronta per divertirsi. O fare qualcosa di bello senza secondi fini.

o direttò

   

Chi cazzo sono le strisce?

ASPETTANDO LE STELLE ECCOVI LE STRSCE
Finalmente c’è! Qualche anno fa tutti o quasi lamentavamo l’indifferenza delle major verso gli artisti napoletani che non utilizzavano il dialetto napoletano.
Sembra un secolo fa quando sulla scia di Gomorra di Saviano una serie di musicisti napoletani ricevevano quell’attenzione mediatica che controbilanciava il massacro secondiglianese e sembra quasi un miracolo oggi gridare: ”ma chi cazzo sono queste Strisce?
Le Strisce sono una squadra ben messa in campo con Davide Petrella (talentuosissima voce e autore delle canzoni) che sembra Maradona ai tempi del Napoli pre-scudetto del 1987.
Tutti devono riconoscere a questi 5 figli di Napoli che la loro caparbietà, la capacità di comporre e suonare semplicemente ciò che volevano fare ha provocato una cesura storica importante a Napoli. Una città, la nostra, che ormai da 10 anni vive sempre e solo di feste con gli stessi nomi che sono diventati del prezzemolo per ogni minestra ormai scaldata e strariscaldata.
Tutti, anche chi storce il naso per vari motivi, devono riconoscere che la strategia di Petrella ha funzionato generando un’attenzione che li ha portati a incidere per la E.M.I.
Tutti devono riconoscere che se si collaborasse un po’ di più senza scatenare guerre tra poveri a Napoli ci sarebbe tanto da poter esportare…visto ciò che da altre parti d’Italia ci propinano come rivoluzionari o paladini della giustizia.
Detto questo il disco ha una doppia lettura.
La lettura che maggiormente mi emoziona e mi fa tifare per loro è la sfacciataggine con la quale fotografano l’Italia del pop, un bel paese che lamenta l’assenza di arte alternativa ma poi resta schiavizzata dei bei motivetti orecchiabili e dalle sdolcinate frasi d’amore e allora va bene odiare il pop perché è tutto quello che abbiamo (citazione petrelliana volutamente modificata).
Mi piace sottolineare il testo di “are you ok” dove il vicino è un terrorista perché ha qualcosa da dire oppure chi si ammazza alla play station.
Mi piace sottolineare il testo di “chi cazzo sono le strisce” dove l’immagine è quella tipica di chi vorrebbe solo suonare e invece deve fare i conti con le paure dei genitori e (infondo) con le proprie.
Mi piace sottolineare il testo della già citata “io odio il pop” ottima canzone che si inserisce nel filone della presa per i fondelli suonando ciò che si critica.
Su tutto spicca la splendida voce di Davide Petrella.
Insomma in attesa di diventare stelle tiriamoci su con il pop arrabbiato delle strisce.
n.b. per l’altra lettura compratevi il disco e poi ne riparliamo.
Gismondo Cafiero

   

Concerti in Campania

< Luglio 2017 >
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Vinci biglietti

Contest

Join us on

Campania Rock FacebookCampania Rock twitterCampania Rock flickrCampania Rock MySpace

© 2010 Campania Rock, testata giornalistica registrata al Tribunale di Nola (reg. numero 154 del 28/11/2008) / credits